lunedì 11 maggio 2009

Crollo Torri Gemelle. L'acciaio si è fuso?

Certamente molti di voi avranno sentito che circa gli avvenimenti dell'11/9 esistono le cosiddette "teorie alternative". La più comune afferma che le Torri siano state volontariamente demolite con dell'esplosivo e tutto quello che ci raccontano è una colossale messinscena dell'amministrazione Bush (al tempo al potere). In soldoni, l'11/9 sarebbe stato un auto-attentato degli USA in modo da avere una scusa per dichiarare guerra a mezzo Oriente.

Incontrai tale teoria alternativa diversi anni fa e mi fece storcere non poco il naso. Oltre all'assurdità dell'auto-attentato, se la memoria non mi inganna, le demolizioni controllate di palazzi e grattacieli partono dal basso: si minano le colonne dell'edificio "spezzandone le gambe". Le Torri, come tutti ricorderete, sono crollate partendo dall'alto, esattamente nei punti d'impatto degli aerei che hanno aperto enormi squarci.

Premessa per i pochissimi lettori di questo blog che sono scettici circa l'11/9. Per ogni dubbio, anomalia, stranezza che ho incontrato circa l'11/9, esiste una spiegazione logica e plausibile, supportata da analisi tecnico-scientifiche che non necessitano della teorizzazione di mega complotti. Anche io avevo numerosi dubbi, ma me li sono tolti tutti. Sul serio. Ed ho imparato anche un mucchio di cose.

Innanzitutto un chiarimento. La cosiddetta "versione ufficiale dei fatti", non è da pensare come un foglietto di carta firmato da Bush in cui dice "ok ragazzi, le cose sono andate così così e così, ogni altra versione son vaccate". Questi sono scenari da film alla Men In Black. E' invece un insieme di analisi tecniche fatte da ingegneri strutturisti e tecnici del settore, rapporti di migliaia di pagine. Non è fuffa insomma.

Mi permetto di segnalare quella che è una contraddizione di fondo all'interno dell'ambiente abbasso-la-versione-ufficiale. Secondo i cosiddetti complottisti, è evidente che le cose non sono andate come ce le raccontano. Certo. Talmente evidente che non esiste LA teoria alternativa, bensì LE teorie alternative che finiscono con l'escludersi tra di loro. Andando a naso, tra le cause di crollo delle Torri Gemelle ricordo:
  • Demolizione con esplosivo
  • Demolizione con una speciale vernice incendiaria spalmata sulle colonne (chiamata termite)
  • Demolizione con raggi spaziali
  • Demolizione con mini-ordigni atomici
Se alcune di queste vi sembrano assurde, non preoccupatevi. Le motivazioni alla loro base sono ancora più assurde. Inoltre le varie teorie non sono nemmeno d'accordo su cosa abbia colpito le Torri. Oltre agli aerei di linea si è parlato di aerei militari, aerei telecomandati e missili.
Esiste persino una teoria che dice che NESSUN AEREO ha colpito le Torri. Quello che centinaia di testimoni oculari hanno visto, e che vi hanno propinato in tv, sarebbero degli ologrammi, ossia una proiezione dell'immagine degli aerei, tipo quelli che si vedono nei film di fantascienza. Nell'immagine in basso abbiamo un esempio.


Che dite, lo andiamo a dire ai parenti dei passeggeri morti che i propri cari sono a spassarsela, chessò, alle Bahamas?

In realtà le Torri sono crollate perchè la struttura in acciaio ha ceduto a causa del letale binomio "impatto aerei" + "incendi". E qui arriviamo al punto. L'obiezione che sento più spesso a riguardo è "ma l'acciaio non poteva fondere per quegli incendi, quindi le Torri sono venute giù per qualche altro motivo!".

In parte è vero, l'acciaio delle Torri non si è fuso, dato che la sua temperatura di fusione è intorno ai 1400°C, abbastanza alta per un incendio, anche se originato da decine di migliaia di litri di carburante per aerei (cherosene).
Tuttavia già intorno ai 400°C l'acciaio si deforma e perde in parte le proprie caratteristiche meccaniche. Un incendio domestico, tipo quello che si verificherebbe in casa vostra, può raggiungere anche i 1000°C. Questo filmato, realizzato dal NIST (lo stesso istituto tecnico responsabile dei rapporti circa il crollo delle Torri) mostra come una stanza di un appartamento possa diventare un vero inferno anche se la fonte dell'incendio è un albero di Natale. L'aria è talmente rovente che alcuni oggetti, come il tavolino, prendono fuoco anche se non lambiti dalle fiamme.

Affinchè la struttura delle Torri si indebolisse al punto da crollare, non fu necessario che si arrivasse alla fusione dell'acciaio, è bastato che esso venisse ammorbidito, cosa che si è verificata alle temperature presenti in quegli incendi.

Per comprendere meglio come sia possibile il crollo, bisogna capire com'erano realizzate le Torri. Come potete vedere nell'immagine (che include anche la spiegazione del crollo, in inglese, cliccate QUI per ingrandire e leggere meglio), esse erano formate da un nucleo centrale di svariate colonne e da una serie di colonne perimetrali.

Queste due serie di colonne erano collegate dai solai (anch'essi in acciaio), ossia i "pavimenti" dei vari piani come si può vedere in quest'altra immagine

La morte delle Torri è stata quella di avere una struttura portante interamente in acciaio, vulnerabile al fuoco. Una struttura in cemento armato non risente di tale problema essendo meno sensibile alla temperatura.
Un esempio illuminante è la Windsor Tower riporata nell'immagine, un palazzo di Madrid demolito dopo che nel 2005 è stato seriamente danneggiato da un incendio.

La Windsor aveva un nucleo in cemento armato che è rimasto in piedi (la parte centrale dell'immagine), mentre parte della struttura in acciaio è crollata a causa dell'incendio. Ed in questo caso non abbiamo un aereo di linea lanciato a più di 700km/h, nè litrate di cherosene e nemmeno colonne tranciate. Abbiamo SOLO l'incendio. Dimostrazione che il fuoco è perfettamente in grado di danneggiare irrimediabilmente strutture in acciaio pur senza raggiungere la temperatura di fusione.

Ma allora, in soldoni, come sono andate le cose l'11/9?

Lungi da me il voler essere completo, preciso ed esaustivo, ma a grandi linee il resoconto degli eventi è il seguente.
  1. L'impatto degli aerei ha tranciato alcune colonne delle Torri, rimuovendo da altre la protezione antincendio che le ricopriva. L'impatto ha messo fuori uso anche l'impianto antincendio, per cui l'acciaio denudato era alla mercè del fuoco.
  2. Il carburante degli aerei ha innescato l'incendio all'interno dei grattacieli. Esso ha interessato diversi piani perchè il carburante ha potuto espandersi con facilità nella struttura (in gran parte vuota, come casa vostra, la maggior parte del volume è pura aria) aiutato anche dalle trombe degli ascensori.
  3. L'incendio è stato alimentanto da tutto ciò che c'era di infiammabile all'interno delle torri. Trattatandosi in prevalenza di uffici abbiamo scrivanie, sedie, arredi, carta, computer e, triste a dirsi, persone.
  4. L'incendio ha ammorbidito l'acciaio. In particolare, i solai (i floor joists dell'immagine riportata in precedenza) si sono incurvati ed hanno tirato verso l'interno le colonne perimetrali. In questa foto potete vedere come esse sono decisamente incurvate.
  5. Una volta che le colonne hanno ceduto in corrispondenza del punto di impatto degli aerei, la struttura sottostante non è stata più in grado di reggere il peso dei piani superiori ed ha incominciato a collassare. Il fenomeno si è auto-alimentato visto che, man mano che il crollo proseguiva, la massa di edificio che "premeva" aumentava sempre più.
Come avete visto, una conoscenza più approfondita (ma nemmeno tanto) dei fatti e della materia può togliere alcuni dubbi leggittimi che possiamo avere.

Ci sono tantissime cose circa l'11/9 da poter raccontare, non solo per quanto riguarda le Torri, ma anche il Pentagono che, secondo le teorie alternative, sarebbe stato colpito da un missile. Anche in questo caso, approfondendo la questione, ogni mio dubbio ha trovato una risposta chiara e solida e mi ha fatto capire come spesso i complottisti mostrino solo ciò che fa comodo mostrare.

Spero di riuscire nel tempo a trattare l'argomento 11/9 in maniera più ampia, aiutando i lettori in buona fede a capire meglio come sono andate le cose e valutare la differenza fra teorie campate in aria (spesso lucrandoci anche) ed analisi tecniche su basi scientifiche.

Grazie per la cortese attenzione :)

27 commenti:

  1. Per favore puoi approfondire il discorso Pentagono? grazie ery

    RispondiElimina
  2. Ery è una parola, specialmente se la domanda è così generica :)
    Quello che posso fare di meglio è indirizzarti alle FAQ sull'attavvo al Pentagono del blog Undicisettembre che si dedica all'analisi di quello che successe l'11/9 oltre a smontare le obiezioni dei sostenitori della teoria del complotto.
    Trovi approfondimenti e chiarimenti anche sul crollo delle Torri ed il vole UA93 che si schiantò in Pennsylvania.

    ;)

    RispondiElimina
  3. ok andrò a leggere , tanx ;)

    RispondiElimina
  4. come spieghi il crollo del wtc7 allora ?

    e' crollato per empatia ?

    RispondiElimina
  5. Anonimo,
    la Torre 7 è crollata grossomodo per le stesse ragioni delle Torri Gemelle: incendi incontrollati che hanno indebolito la struttura in acciaio portandola al collasso.
    Nel caso delle Torri gli incendi sono stati appiccati dagli aerei, nel caso della Torre 7 dalla macerie in fiamme delle Torri crollate.
    E' la stessa fine che hanno fatto anche le Torri 4,5 e 6 che facevano parte del complesso.
    In alcuni video (perdonami se non li cerco, ma ho un esame universitario incombente) si nota come il crollo della Torre 7 non sia asimmetrico con un "infossamento" in corrispondenza dello spigolo nord-est a causa di un crollo locale che si è poi portato dietro tutto il resto dell'edificio.
    Il crollo della Torre 7 non è stato per nulla improvviso. I pompieri sapevano che sarebbe crollato prima o poi dato che la vulnerabilità degli edifici in acciaio al fuoco è ben nota (in questo articolo ==> http://tangredi.blogspot.com/2009/05/un-edificio-in-acciaio-puo-crollare.html una dichiarazione in merito dei VdF italiani) e la notizia fu girata agli organi di stampa diverso tempo prima.

    RispondiElimina
  6. Ahahahah....la teoria (ufficiale) che tu ri-proponi è strampalata come quella del complotto della miniatomica.
    Ti sei mai chiesto o uomo che non ha piu dubbi qunato tempo ci vuole per ammorbidire l'acciaio? e quanto tempo in caduta libera un palazzo simile crolla?
    immagino di no.

    RispondiElimina
  7. Anonimo,
    o uomo che non ha piu dubbi
    mi conosci personalmente? Non mi pare. La supponenza dell'aver capito tutto con 4 video di YouTube la lascio ad altri, non fa per me.
    immagino di no.
    Immagini male.

    RispondiElimina
  8. Immagino bene invece....da quello che dici e sopratutto da quello che scrivi, di supponenza ne hai a iosa.
    Sono blog, siti, persone come te che credono di aver capito tutto solo perchè qualcun'altro glielo ha spiegato secondo la loro logica o convenienza a rendere problematico il mondo in cui viviamo.

    RispondiElimina
  9. Giulietto Chiesa ci va leggero. Gente che sostiene i debunker li chiama Kamikaze di Bush.

    Fin'ora l'unico kamikaze che ha pubblicato teorie che per la maggiorparte erano già spiegate è stato lui, solo perchè deve perseguire la sua spiegazione politica degli eventi. Spiegazione politicia tra l'altro che prevedeva anche la guerra con l'Iran e quella con la cina nel 2013...
    Vedremo, intanto l'Iran fa i cavoli suoi.

    >Ti sei mai chiesto o uomo che non ha piu dubbi
    >qunato tempo ci vuole per ammorbidire
    >l'acciaio?

    Vediamo: la perdida di resistenza dipende dalla temperatura che è strettamente collegata al calore assorbito dal corpo.
    L'acciaio è un ottimo conduttore di calore.
    Eeeehh ci vorranno sicuramente milioni di ore ... anzi miliardi di ore perchè l'acciaio si indebolisca.
    Sbagliano i pompieri a dire che basta poco tempo.

    ^_^

    RispondiElimina
  10. Ciao, premetto che è un bellissimo blog, l'impronta con la quale affronti il problema mi sembra coerente. Mi rimangono dei dubbi:
    1) pozze di acciaio fuso a distanza di mesi(le immagini sono reali??) perchè l'uso della termite o cosa per esso avrebbe senso se consideri che è una reazione di ossido combustione e anche in assenza di ossigeno reagisce e potrebbe proseguire ben oltre il crollo
    2) le temperature in un incendio raramente arrivano a superare gli 800°C, se pensiamo al kerosene non in condizioni stechiometriche (fumo molte denso e nero dalle immagini) faccio fatica a credere che arrivi a superare i 1100°C certo è vero che a 600°C l'acciaio diventa come il burro. Ma qui entra in gioco tutti i concetti di dispersione compreso l'irragiamento che a queste T arriviamo a superare il 10-15% di perdita di potenza.
    3) La verticalità di caduta
    4) La velocità di caduta in base ai tempi che si sono misurati, parliamo di caduta libera dei piani (la conservazione di moto è andata a farsi benedire)

    però mentre su queste ad eccezione del WTC7, possono anche crederci; quella del pentagono e di blocchi di titanio che evaporano sono paradossali. Non penso di essere un complottista solo uno che mette in dubbio una ricostruzione che forse per eccessiva fretta risulta in alcuni pezzi un po lacunaria

    RispondiElimina
  11. Ciao Anonimo,

    ti ringrazio per i complimenti, fa sempre piacere ricevere apprezzamenti. Come avrai notato questo non è blog dedicato puramente al debunking per cui ti rispondo in base alle mie ricerche passate (avevo anche io i tuoi dubbi) ma certamente troverai tonnellate di materiale più idoneo in rete.

    1) Se ti riferisci alle termografie NASA parliamo di settimane, non mesi. Inoltre esse mostrano generalmente "chiazze di calore" nel sottosuolo con una temperatura intorno ai 600-700°C. Già questo esclude che possa trattarsi di acciaio fuso quindi non c'è bisogno di invocare la termite. Inoltre essa brucia molto rapidamente mentre invece nei sotterranei del WTC c'erano diversi serbatoi di carburante che potevano sostenere un incendio per diversi giorni.
    Mi dirai "e l'ossigeno"? Vero, ci ho pensato, ma incendi nel sottosuolo non sono certo una novità e sicuramente la spiegazione termite ==> acciaio risulta debole per le temperature in gioco. In ogni caso è un punto su cui vorrei informarmi meglio.

    2) Purtroppo devo smentirti ma banale incendio domestico può arrivare tranquillamente a 1000°C. In ogni caso, anche mettendo un tetto di 800°C, le temperature sono sufficienti per indebolire l'acciaio e causare il crollo. I Vigili del Fuoco (italiani compresi) hanno a più riprese detto che il nemico numero 1 di strutture in acciaio è il fuoco. Un esempio è la Windsor Tower di Madrid: l'incendio ha causato il crollo della parte esterna in acciaio.

    3) Il crollo non è così verticale come sembra e già nei video puoi vedere come le macerie si aprano "a fiore" investendo edifici circostanti. In questa visione dall'alto puoi vedere come le macerie siano arrivate anche a 150-200m (come riferimento, le Torri avevano un lato di 60m circa). Edifici come quello della Deutsche Bank furono talmente danneggiati da dover essere demoliti e non fu l'unico. Ci si dimentica spesso che il crollo non interessò solo le Torri e il WTC7, ma numerose strutture circostanti.
    In quest'altra immagine puoi vedere come l'inizio del crollo non sia affatto verticale, anzi.

    4) La caduta libera (i famosi 8-9 secondi di cui si parla) si riferiscono alle prime macerie che toccano il suolo. Quelle, ovviamente, sono in caduta libera. Il resto del crollo dura fino a 15 secondi in quanto "frenato" dai piani sottostanti, basta sentire il boato nei video. Addirittura parti delle Torri restarono in piedi per un tempo più lungo. In questa immagine puoi vedere come parte delle colonne centrali siano rimaste in piedi quando il resto era ormai venuto giù. Tieni conto inoltre che la nube di fumo impedisce di analizzare precisamente la dinamica dato che copre il crollo.

    Per quanto riguarda il WTC7 ed il Pentagono anche lì non ho trovato dubbi schiaccianti che possano smontare tutta la ricostruzione. Non so a cosa ti riferisci con "blocchi di titanio evaporati". Se parli dei motori, li hanno trovati tra le macerie.

    Grazie della visita e spero di averti dato l'impulso per continuare le tue ricerche :)

    RispondiElimina
  12. l articolo era molto interessante, senza dubbio scritto anche in modo molto tecnico.il problema è che come hai ipotizzato,le wtc1 e wtc2 sarebbero crollate in seguito all immenso calore sviluppatosi all'interno delle torri in seguito allo schianto. beh, ma se fosse così la torre nord ad esempio non sarebbe dovuta crollare anche nel 1975 inn seguito al grande incendio che si sviluppò nelle sue fondamenta? la struttura delle 2 torri gemelle era stata progettata per resistere agli attentati terroristici,tra cui proprio gli attentati aerei.le esplosioni dovute allo schianto hanno bruciato il cherosene contenuto nei serbatoi dei 2 boeing. essendo il cherosene un idrocarburo,brucia molto in fretta,più velocemente della benzina, quindi il combustibile dei serbatoi non sarebbe stato in grado con la sua combustione di creare tanto calore da poter sciogliere l anima di cemento e acciaio delle twin towers.

    RispondiElimina
  13. Ciao Anonimo,

    mi scuso per il ritardo di tempo abissale con cui ti rispondo ma a causa dell'università, come puoi vedere, non sto dedicando molto tempo al blog anche se non ho mai dimenticato di doverti rispondere.

    il problema è che come hai ipotizzato,le wtc1 e wtc2 sarebbero crollate in seguito all immenso calore sviluppatosi all'interno delle torri in seguito allo schianto.

    Preciso che IO non ipotizzo niente perché non ho le competenze, non sono certo un ingegnere strutturista. Quello che trovi qui è il sunto di migliaia di pagine indagini tecniche fatte da persone esperte.
    Le TT non sono crollate per il solo incendio. Il fuoco è il peggior nemico per una struttura in acciaio, lo sanno bene i Vigili del Fuoco. Per esempio previdero con diverse ore di anticipo che la Torre 7, lasciata bruciare perché mancava l'acqua (il crollo delle TT aveva tagliato le condutture), sarebbe inevitabilmente crollata come è poi successo.
    Le TT hanno dovuto prima subire il danno degli aerei. Essi hanno tranciato alcune colonne (indebolendo la struttura) e rimosso il rivestimento antincendio da esse (rendendole più vulnerabili al fuoco).

    beh, ma se fosse così la torre nord ad esempio non sarebbe dovuta crollare anche nel 1975 in seguito al grande incendio che si sviluppò nelle sue fondamenta?

    L'incendio del 1975 era di entità minore rispetto a quello del 2001 (non innescato da aerei) ed i pompieri poterono intervenire rapidamente.
    Il caso che citi è interessante perché paradossalmente SMENTISCE le teorie complottiste nonostante venga citato per rafforzarle. Infatti anche nel 1975 si ebbe l'imbarcamento dei solai e ciò dimostra come l'acciaio esposto al fuoco si "smoscia". Nel 2001 lo "smosciamento" è stato eccessivo e la struttura è crollata.

    la struttura delle 2 torri gemelle era stata progettata per resistere agli attentati terroristici,tra cui proprio gli attentati aerei.

    Questo è lievemente impreciso. Le Torri furono progettare per resistere ad un INCIDENTE e non un ATTENTATO. Nel primo caso si pensava ad un aereo che a bassa velocità, prossimo ad atterrare (serbatoi parzialmente vuoti) impattasse per caso contro l'edificio (p. es. causa nebbia). Nel secondo caso abbiamo aerei mandati volontariamente contro le Torri alla massima velocità e con i serbatoi ancora sostanzialmente pieni.
    Inoltre all'epoca era difficile simulare al calcolatore gli effetti del fuoco.
    Volendo poi essere pignoli, le Torri hanno retto all'impatto degli aerei dando il tempo a molte persone di mettersi in salvo. Questo grazie alla loro struttura reticolare: tranciate alcune colonne, il carico si è ridistribuito sulle rimanenti che poi, indebolite dal fuoco, non hanno più retto.

    essendo il cherosene un idrocarburo,brucia molto in fretta,più velocemente della benzina, quindi il combustibile dei serbatoi non sarebbe stato in grado con la sua combustione di creare tanto calore da poter sciogliere l anima di cemento e acciaio delle twin towers.

    L'acciaio delle TT non si è sciolto perché la temperatura di fusione è troppo alta e non viene raggiunta in incendi del genere. L'acciaio si è INDEBOLITO e questo ne riduce la capacità di reggere carichi.
    Il cherosene ha funto solo da miccia per cui ha sostanzialmente solo innescato l'incendio che ha trovato all'interno delle TT materiale a iosa per alimentarsi.


    Spero di essere stato chiaro, grazie per la visita :)

    RispondiElimina
  14. Mi sn interessato all'argomento da circa un mese, per il momento rispetto ogni "partito", ma sn scettico, molto scettico...ecco qll che mi piacerebbe sapere:
    1) tutti i blog che vedo, sia di complottisti che dei sostenitori della teoria "ufficiale", hanno un vizio di fondo: tutti voi cercate di dimostrare i vostri punti di vista, così facendo però evitate paragoni molto scomodi x le vostre "tesi". Adesso, ad esempio, spiegami come può una torre cadere in 10 secondi e un'altra cadere in 8 ( i dati, scusa ma nn sn sicuro del nome, "sismici)... Non bisogna essere ingegneri per capire che se un corpo cade e sotto ci sn pavimenti questi ultimi ne rallentano la discesa. Le torri avevano 110 piani, considerando un rallentamento di un solo secondo per piano, ci vorrebbero almeno 110 secondi, 100 di troppo. Il rapporto ufficiale ammette che le torri sn cadute per 2,5 secondi in caduta libera( !!!) e colui che è a capo del nist ha cmq espressamente detto che il crollo delle torri è stato un caso ECCEZIONALE, e che gli altri edifici sn sicuri. Come spieghi il fatto che ci sia una testimonianza( visiva) di un edificio in spagna bruciato x 24 ore, cn incendi molto più gravi di qll delle torri, che però ha mantenuto integra la struttura in acciaio? Mi scuso ancora perchè nn ricordo il nome, ma si vedono tutte le colonne della struttura annerite ma integre!!! Come spieghi il fatto che le torri si siano polverizzate?

    RispondiElimina
  15. 2) Il crollo della torre 7 penso sia l'immagine per eccellenza della farsa dell 11/9... Un edificio di 40 piani con ISOLATI incendi crolla...Record mondiale, trovami un esempio simile...Come spieghi l'espressione utilizzata dal locatario delle torri che davanti una telecamera ha detto " visto che gli incendi erano troppo gravi ho chiesto di PULL IT"...pull it vuol dire nel gergo "tirare giù"...Come spieghi il fatto che la torre 7 sia crollata da entrambi i "lati" in parallelo? Lo sai che l'unica possibile spiegazione è che le colonne portanti siano "cedute" l'una entro un decimo di secondo dell'altra, cosa che naturalmente NON può spiegarsi se non con una demolizione controllata

    RispondiElimina
  16. 3) Sei del mestiere, quindi sai che si potrebbe parlare del Pentagono, del 4 aereo, del passapoto e testamento, del dna che viene rinvenuto mentre le ali si sono disintegrate...nn voglio parlare di qst però...ma di quelle che io definisco strane coincidenze...te ne cito qualcuna:
    a) Quando hanno avvisato Bush dell'attacco, subito si sospettava di un attentato, il nome di Bin Laden è stato fatto immediatamente, allora come mi spieghi il ftt che la scuola dove si trovava Bush nn sia stata evacuata( il rischio di un attenato al presidente era ALTISSIMO) e perchè l'aereo di Bush non è stato protetto da un caccia durante il volo?
    b) Sempre il famoso locatario aveva l'11 settembre un pranzo di lavoro che ha annullato poco prima per andare dal dermatologo( la moglio erano 40 anni che insisteva...)
    c) I figli del precedente il giorno 11/9 arrivarono in ritardo a lavoro, pur essendo famosi per la loro puntualità
    d)L'assicurazione delle torri non prevedeva risarcimeto in caso di attentato, cosa che è stata modificato con l'introduzione di una clausola apposita( dopo mesi di "battaglia"). Naturalmente il citato locatario riusccì a farsi risarcire il doppio, dimostrando l'esistenza di 2 attenati diversi...Miliardi di dollari...un'affare contado quanto le aveva pagate!
    e) Torri progettate per resistere ad uno scontro con un aereo di linea che cadono per il suddetto motivo

    RispondiElimina
  17. Chiudo con una 2 considerazioni. L'11/9 ha cambiato il mondo, ha consolidato i rapporti tra occidente e america nella guerra contro il terrorismo( nn ho ancora capito dove sia e quali siano i loro esponenti). E' stato un evento gravissimo. Ora, alla luce di ciò, mi sforzo di pensare che sia stato veramente un attentato. La conclusione cui giungo è che l'america è una fuffa, sn idioti patentati...una dozzina di stranieri armati di taglierini, capitanati da un babbonatale più magro da una caverna riescono a prendere il possesso di 4 aeri e volare cambiando il transfert senza che nessun caccia gli vada addosso entro 5 minuti...Quindi sono stati fatti degli errori madornali. Citami solo un dirigente, capo di non so che o bidello, qualsiasi persona che è stata licenziata o degradata dopo l'11 settembre. Ultimissima. Per mettere a "tappeto" noi complottisti basterebbe che il governo ci mostrasse un video dell'aereo che ha colpito il Pentagono( abbi rispetto per la mia intelligenza e nn citarmi quei 4 fotogrammi mostrati)...ah e perche le telecamere limitrofe sono scomparse?! No, sono state RITIRATE!!! E poi il Pentagono ha sicuramente un dispositivo per abbattere aerei o altro. L'attentato era avvenuto da tempo, impossibile che non fossero all'erta.

    RispondiElimina
  18. PERCHE BUSH HA CHIESTO AD UN SENATORE PER BEN 14 MESI DI INSABBIARE LA RICHIESTA DI UNA COMMISSIONE INDIPENDENTE CHE INDAGHI SULL'11 SETTEMBRE?
    Non so se risponderai, se lo farai sentir le stesse, scusami l'espressione, "boiate" che sento da tempo...il ftt è che, dal punto di vista politco ed economico, l'america aveva bisogno di un evento simile( è triste e duro ammetterlo). La guerra in Iraq ha portato soldi, petrolio, condotti di gas metano, nuovi consensi a bush e soprattutto ha rimesso in moto una mostruosa macchina...L'industria bellica...e gli Stati Uniti combattono contro presunti limitatori delle nostre libertà con armi che gli stessi Stati Uniti hanno venduto a loro...pensare e poi capire...basta bugie, il Mondo sta lentamente capendo chi sia il vero nemico. Attedo risposte, ma non fremo, già conosco le parole che sentirò...

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Anonimo,

    Attedo risposte, ma non fremo, già conosco le parole che sentirò...

    Inutile risponderti allora, dato che conosci già le risposte.
    E le risposte alle tue domande sono state date da 10 anni a questa parte, se non ti sono sembrate esaurienti è inutile che te le ripeta.

    Faccio un solo appunto. Mi pare che non hai nemmeno letto l'articolo, altrimenti sapresti che l'edificio in Spagna di cui parli è proprio la Windsow Tower citata sopra. E le parti annerite in piedi sono quelle in cemento armato, l'acciaio esterno è caduto per l'incendio.

    D.

    RispondiElimina
  21. Allora il WTC/ senza ne impatto di aerei o cherosene?? me lo spieghi

    RispondiElimina
  22. Umberto,

    perché un edificio dovrebbe crollare solo se colpito da aerei o dato alle fiamme col cherosene? Gli edifici crollano per tante altre ragioni diverse.

    La Torre 7 ha preso fuoco perché colpito dalle macerie infuocate delle TT. Parte di queste macerie ne hanno anche danneggiato la struttura ma la ragione principale per cui è venuta giù è la stessa delle TT: incendi incontrollati in strutture di acciaio.
    E le strutture in acciaio vengono giù, lo sanno bene i pompieri che ORE PRIMA sapevano che sarebbe crollata ed hanno semplicemente aspettato che venisse giù perché non c'era più acqua per spegnere l'incendio.

    Non è necessario avere gli aerei, né il cherosene. I primi hanno indebolito la struttura delle TT che però hanno retto il colpo, è stato l'incendio a fare il resto. Il cherosene invece ha appiccato gli incendi, ma nelle TT e nella Torre 7 c'era abbastanza materiale da bruciare come puoi vedere nel video incluso in questo articolo.

    D.

    RispondiElimina
  23. Le torri si sono polverizzate. La stessa figura del palazzo di Madrid dimostra che la forza cinetica incontrando al di sotto una struttura sana si doveva arrestare ho la parte superiore doveva cadere di lato. Il modo in cui le torri sono cadute va contro le leggi della fisica.

    RispondiElimina
  24. Una relazione da Fuffa “ufficiale”.

    Innanzitutto la tesi ufficiale viene criticata per le varie anomalie, incongruenze e contraddizioni.

    Non si attribuisca a chi sostiene questa critica delle tesi ipotetiche, lecite solo come ipotesi (allora hanno messo esplosivo ecc.), chi di dovere avrebbe dovuto indagare a 360°.

    Inoltre la tesi “critiche” non intendono ne possono (ormai) dimostrare come sono andati i fatti (ne la questione viene ridotta a tal senso come viene fatto), ma che le ipotesi “Ufficiali” sono contraddittorie, inverosimili o quantomeno imporebabili, MA DI CERTO NON INCONTROVERTIBILI, che quindi invece di imporre un paradigma si sarebbe dovuto indgare e testare secondo anche altre ipotesi interpretative.

    Poi si fa di tutta l’erba un fascio, è evidente che per ridurre al ridicolo tesi critiche è facile mettere in circolo tesi iperboliche o ridicole, o che magari si creano spontaneamente per entusiasmi e ignoranze, così da dare un’idea fosca e ridicolizzante generale.


    LA relazione generale è come se non ci fosse, avendo 2-3 milioni di pagine, ma se si prova a leggerla, senza suggestioni preconcette ci si rende conto che non dimostra niente, ma pertendo dal fatto che le torri sono crollate, “ovviamente” a causa dell’impatto e dell’incendio, si deve spiegare come da tale causa è seguito tale effetto. MA tale dimostrazione non c’è, viene data per scontata e quindi si mettono in un iper-calderone tutti i possibili fattori che possono contribuire a spiegare il crollo. MA questo non è affatto una spiegazione, ne una dimostrazione.

    Se volete posso continuare molto a lungo, mi fermo qui per ora.

    RispondiElimina
  25. Una sola cosa: la teoria ufficiale non è in grado di spiegare il ritrovamento di acciaio fuso nelle fondamenta, anche settimane dopo il crollo. Anzi si limita semplicemente ad ignorare questo fatto. Come la mettiamo?

    RispondiElimina
  26. mi si dice che il peso del crollo delle strutture sovrastanti avrebbe fatto crollare le sottostanti,non indebolite dagli incendi: ma il peso, fatto salva l'accelerazione di gravità, frenata peraltro ad ogni piano che collassava sul sottostante, era sempre quello che la struttura reggeva...E allora, perché invece quel crollo da castello di carte? L'articolo del blog questo non lo spiega minimamente, e non spiega come appunto la struttura sottostante si sia essa stessa indebolita. Il palazzo di Madrid vede una "liquefazione" della parte in acciaio, ma non era evidentemente la struttura portante dell'edificio, ma solo poco più del rivestimeno...una specie di impalcato esterno, una struttura "leggera", almeno da ciò che si evince dalle foto...e quindi una situazione del tutto diversa....
    Certo è una cosa: il crollo delle torri gemelle che ha provocato 3000 morti( all'inizio,(ricordate?) si parlava di 35.000 morti), ha fatto veramente un grosso favore agli Usa e ai fabbricanti di armi.Non voglio sostenere la tesi complottistica, ma nemmeno la escludo: e certamente non mi stupirebbe affatto che un Presidente degli States avesse architettato un simile orrore...Vi ricordate l'antrace e tutto il resto, che ha giustificato una guerra con centinaia di miglia di morti in Iraq? E anche di morti americani, mandati a morire solo per calcoli economici e politici.Ed ora dalle ceneri e l'onda lunga di quella guerra è nato l'Isis Questo tipo di cinismo può creare qualsiasi mostro: cosa volete che sia il sacrificio di quache migliaio di cittadini americani per chi dalla seconda guerra mondiale in poi ha mandato in giro per il mondo centinaia di migliaia di soldati a farsi massacrare e a massacrare anche innumerevoli civili?
    Con orrore, Franz

    RispondiElimina
  27. Ammesso che le torri siano crollate per gli impatti con gli aerei ed il calore poi sviluppatosi con gli incendi.
    Siamo sicuri che a pilotare gli aerei fossero quei quattro beduini con zero ore di volo?

    RispondiElimina